Agriturismo Salento: il sito delle vacanze!
Home Page Cerca nel Sito Contatta lo Staff Gli Artisti Chi è Japigia.com Questo Portale
Home » Jürgen Klauke  
Archivio 2007
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
·
»
»
»
»


Conosci il Salento


SalentoAziende


Jürgen Klauke a Roma

Dal 4 ottobre al 16 novembre 2007

Jürgen Klauke Giovedì 4 ottobre 2007 ore 18.30 La Nuova Pesa Centro per l'Arte Contemporanea Via del Corso 530, Roma a cura di Giacomo Zaza Dal 1970 ad oggi, Jürgen Klauke costruisce minuzionsamante le sue opere fotografiche, di grande rigore formale e composititvo, simili a delle azioni tetrali, all'interno delle quali agisce spesso come protagonista.

Sono immagini di grande plasticità, presentate in sequenza, ambientate in spazi astratti, scuri, con fondi monocromi, senza riferimenti di luogo, nè di tempo. Pochi accessori sulla scena: tavoli, sedie, bestoni o cappelli. Il mezzo fotografico non fa che documentare "mises en scène" e performances, gesti distinti in momenti separati (Ich + Ich / Io + Io, 1970-1971).

La presenza dell'artista, in queste "performances da camera", stabilisce un'inconsueta concordanza tra opera e persona, tra arte e vita, tra essere e apparenza. Come un "camaleonte solitario", sospeso tra divertimento e maliconia, Klauke attraversa le sfere oniriche e inquietanti dell'identità, ribellandosi alla rilassatezza e agli agi della vita attuale.

I suoi autoritratti degli anni settanta - da Transformer a Masculin-Féminin, da Umarmung a Philosophie der Sekunde - affrontano la differenza tra i sessi, l'eterosessualità, la molteplicità della persona intesa come maschera/individuo.

In Philosophie der Sekunde (Filosofia del secondo), lavoro esposto in questa sua prima mostra personale a Roma, un mosaico di volti in bianco-nero svela il carattere cangiante dell'identità, l'ambivalenza di un essere che nella ripetizione differente del proprio ritratto trova la fonte del molteplice.

L'artista tedesco si occupa di problemi legati alla sessualità, al desiderio e alla intimità fisica. Teorizza su se stesso il tema dell'androgino, presentando a volte accessori di una società erotomane, i tratti ironici della comunità pervasa dall'immeginario erotico. Qui l'humour, aleggiando in uno spazio-tempo enigmatico, libera lo sguardo da qualsiasi pesantezza speculativa o erotica, dal pathos dell'impegno sociale.

Con il ciclo Formalizzazione della noia, realizzato negli anni ottanta, la sua ricerca sviluppa un linguaggio figurativo di norme comportamentali sempre più severe e impenetrabili, caratterizzate dall'isolamento e dalla volontà di non comunicare, di sfuggire al rischio della citazione postmoderna.

Invece, la serie Desastroses Ich (Il disastro dell'Io) cavalca una geometria esistenziale e passionale che si basa su connessioni e disgiunzioni tra corpi, quello dell'artista o di altri "attori", e oggetti, quali palloni pieni di liquidi, secchi, bacinelle e vasche: relazioni annunciate precedentemente in Beziehungsgeflecht (Intrecci relazinali).

La narrazione accennata dalla composizione mescola, in modo imprevisto, l'immobilità al movimento, la tensione ieratica allo slancio, il senso di fissità all'impulso emozionale.

In occasione di questa importante personale, Klauke espone un nucleo di opere recenti intitolate Aesthetische Paranoia e Wackelkontakt (Contatto difettoso). All'artista interessa mostrare immagini animate da corpi in attesa o in frenetico movimento, da cavi eletricci e da lunghi capelli neri che coprono i volti o che si sollevano. Il suo proposito è di creare una sorta di spazio "kafkiano" dove poter sviluppare una pantomima inconsueta e irreale. Tuttavia tale scena finisce per condurci a un senso di profonda inquietudine.
[G. Zaza]

Note biografiche

Jürgen Klauke è nato nel 1943 a Kliding in Germania. Vive e lavora a Colonia. Dal 1987 al 1993 ha insegnato Arte e Fotografia all'Università di Essen. Dal 1994 è professore di "Media" all'istituto Superiore d'Arte di Colonia. Le sue opere sono state esposte nelle principali gallerie e musei tedeschi, tra cui il Museo Ludwig di Colonia, la Kunsthalle di Amburgo, i Kunstverein di Monaco e di Bonn, il Kunstmuseum di Düsseldorf e il Kölnischer Kunstverein di Colonia.

Ha esposto inoltre al Guggenheim Museum di New York, al Centre Georges Pompidou di Parigi, ai Musei di Arte Moderna di Toyama, Shiga e Saitama in Giappone, al Centre d'Art Santa Monica di Barcellona, alla Galleria d'Arte Moderna di Vienna, al Kunstmuseum e alla Kunsthalle di Berna, alla Kunsthaus di Zurigo, all'ICA di Londra.

Dal 4 Ottobre al 16 Novembre 2007 La Nuova Pesa Centro per l'Arte Contemporanea via del Corso 530 Roma tel: 06 3610892

Ufficio Stampa e Comunicazione: Michela Casavola

Questa pagina è on-line grazie a Casa Julia

vacanze nel salento a casa juliaNel centro del Salento, Casa Julia è sicuramente il posto ideale dove trascorrere le vostre prossime vacanze. Due comodi alloggi, dotati di tutti i comfort ed ampio spazio esterno sono a disposizione degli ospiti: contattateci! Sito Web: http://www.casajulia.it

Ultimo aggiornamento: 23/11/2007 (09:56)

Letture collegate

Da leggere:
»
»
»
»


Versione StampabileVersione stampabile


Segnala la pagina

segnalaciSegnala questa pagina ad un tuo amico usando il nostro "Dillo alla Rete"!


Concorso Ultima cena

Su questo Portale
»
»


Cerca nel Sito


Japigia.com


Home Cerca nel sito Contatta lo Staff
CopiaSalento: il FotoBook di Japigia
ArteSalento.it è un'iniziativa Japigia.com!
Per informazioni e contatti: info@artesalento.it
Informazioni sulla Privacy e cookie
Vietata la riproduzione, anche parziale,
dei contenuti del sito Informazioni sul Copyright.
Copyright by Japigia.com 2003/2014.
Partita I.V.A 03471380752 - R.E.A. CCIAA Le/224124
*** Questo Sito Web NON utilizza Cookie ***