Personaggi salentini su japigia.com
Home Page Cerca nel Sito Contatta lo Staff Gli Artisti Chi è Japigia.com Questo Portale
Home » IL PICCIO  
Archivio 2007
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
·
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»


Conosci il Salento


SalentoAziende


Il Piccio un pittore romantico nell’Europa dell’Ottocento

24 febbraio - 10 giugno 2007

APIC - ASSOCIAZIONE PROMOZIONE INIZIATIVE CULTURALI Provincia di Cremona, Comune di Cremona Camera di Commercio di Cremona, Comuni di Crema e Casalmaggiore Via Altobello Melone, 1 – 26100 Cremona Italia -

Telefono 0372 458302 - 461026 Fax 0372 461109

MOSTRA INTERNAZIONALE IL PICCIO Un pittore romantico nell’Europa dell’Ottocento

CREMONA Centro culturale Santa Maria della Pietà
24 febbraio - 10 giugno 2007

La mostra, promossa e organizzata dall'Apic di Cremona in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, la Regione Lombardia, la Galleria d’Arte Moderna di Milano, il Comune e la Provincia di Bergamo, l’Accademia Carrara di Bergamo, i Musei Civici di Pavia e il Museo civico Ala Ponzone di Cremona, è stata ideata e sviluppata a partire dalla ricorrenza del bicentenario della nascita di Giovanni Carnovali, detto il Piccio (Montegrino Valtravaglia, Varese, 1804) allo scopo di valorizzare un artista particolarmente significativo nell’innovazione di un linguaggio specificamente lombardo in grado di confrontarsi con le sperimentazioni più moderne in ambito europeo.

La scelta di Cremona come sede espositiva è stata dettata dallo stesso percorso biografico del Piccio il quale, dopo pochi anni trascorsi nel paese natale, il periodo di formazione avvenuto a Bergamo presso l’Accademia Carrara e il successivo periodo milanese, vive in questa città tutta l’ultima fase di attività, per molti versi probabilmente la più affascinante, fino alla scomparsa nel Po avvenuta nel 1873.

La mostra si presenta come la prima iniziativa monografica dedicata al maggior pittore dell’Ottocento italiano da più di trent’anni a questa parte, essendo stata l’ultima esposizione di significativa importanza quella realizzata a Bergamo nel 1974. L’attività artistica del Piccio, presentata rispettando il percorso cronologico e stilistico della sua evoluzione, è scandita da alcuni temi portanti che ne caratterizzano le scelte iconografiche (le bagnanti, Agar...) e permette l’individuazione di significativi confronti con artisti coevi a lui legati da rapporti di amicizia o affinità.

L’interesse del Comitato Scientifico si è soffermato sulle opere più significative della produzione del Carnovali e di altri artisti come Diotti, Trécourt, Coghetti..., concentrando la scelta di dipinti e disegni dei musei di Milano, Bergamo, Cremona e Pavia, oltre che di prestigiose collezioni pubbliche e private, sia italiane che europee (fra le quali il Museo del Louvre).

Eccezionale evento la ricostruzione della cosiddetta "Sala ovale" della famiglia Berizzi, con il confronto tra quattro diverse interpretazioni del tema paesistico ad opera di quattro diversi artisti, tra cui il Piccio stesso.

La mostra, costituita da circa 150 dipinti, disegni e bozzetti, si articola su nove sezioni che individuano nella cronologia dell’attività del Piccio alcuni temi iconografici fondamentali:

  1. L’immagine dell’artista, una selezione di autoritratti del Piccio ritratti dipinti da Piccio per i colleghi pittori e ritratti realizzati da artisti coevi.
  2. La formazione e il rapporto con la prima committenza a Cremona e Bergamo: la frequentazione dell’Accademia Carrara e la conoscenza di alcune grandi personalità della cultura bergamasca e cremonese.
  3. Opere a soggetto sacro, di mitologia e di storia: le prime opere a soggetto narrativo, inizialmente improntate ai modelli lombardi dei secoli precedenti, le grandi commissioni per opere sacre, i soggetti mitologici e di storia che ricercano naturalezza e immediatezza pittorica.
  4. Ritrattistica del reale. Ritratti, per lo più di personaggi bergamaschi, caratterizzati da una verosimiglianza accanita e impietosa, nel solco della fondamentale tradizione lombarda con la quale Piccio si confronta reinterpretando il gusto del vero.
  5. Bozzetti e disegni testimoniano la continua attività di studio; a volte sono preparatori per opere più grandi, ma spesso sono destinati più semplicemente alla elaborazione di nuovi spunti figurativi o cromatici.
  6. Agar. Il lunghissimo iter preparatorio della pala di Alzano evidenzia che il vero riferimento neoclassico per il Piccio era più Appiani che Diotti: Piccio giunge a una rivoluzionaria impostazione iconografica e a un’interpretazione pittorica e naturalistica assolutamente inattesa di questo tema sacro.
  7. Le bagnanti, uno dei temi profani più ricorrenti nell’opera del Piccio, viene reintepretato in una forma naturalistica che diviene panteismo e immersione nella natura incontaminata, per certi versi in grado di ricordare analoghe esperienze degli stessi anni in particolare nella pittura francese.
  8. Paesaggio. Questo tema, inizialmente sfondo per i temi sacri e di storia, più tardi assume validità autonoma e diventa occasione per descrizioni di straordinaria efficacia cromatica e atmosferica. A testimoniare la piena consapevolezza della pittura en plein air, In mostra sarà ricostruito – fatto del tutto eccezionale – l’ambiente della cosiddetta "Sala ovale" di casa Berizzi, nella quale sono raccolti dipinti di paesaggio che costituiscono una sorta di gara tra Piccio stesso, Ronzoni, Trécourt e Canella.
  9. Ritrattistica "romantica" e figure femminili di genere. Nell’ultimo periodo della ritrattistica del Piccio (anni ’60 e primi anni ’70), quando le novità di stesura pittorica e di immediatezza espressiva, in qualche modo già sperimentate nei bozzetti e in particolare nei dipinti di paesaggio, rendono ancora più vitale il sentimento del vero già adottato dal pittore fin dalla ritrattistica giovanile. Si spiegano così quelle immagini di personaggi che talvolta si presentano quasi in un apparente non-finito e che comunque fanno di una materia accesa e crepitante il loro segno distintivo. Soprattutto in quest’ultimo periodo l’artista indulge inoltre alla ripetizione di soggetti tra loro molto simili, in particolare per quanto riguarda immagini di personaggi femminili, che non sono necessariamente dei ritratti (come ad esempio le Flore) e che godono però di notevole fortuna proprio per l’inusitata e raffinata vibrazione dei colori.

Comitato Scientifico:

Pietro Petraroia, Direttore Generale Culture Identità e Autonomie della Lombardia
Pierluigi De Vecchi, Università degli Studi di Milano
Fernando Mazzocca, Università degli Studi di Milano
Bernardo Falconi, Storico dell’arte
Maria Fratelli, Museo dell’Ottocento di Villa Belgiojoso Bonaparte, Milano
Valerio Guazzoni, Storico dell’arte
Renzo Mangili, Storico dell’arte
Mario Marubbi, Museo civico Ala Ponzone, Cremona
Fernando Noris, Storico dell’arte
Maria Piatto, Storico dell’arte
Valter Rosa, Accademia di Belle Arti di Brera, Milano
Giovanni Valagussa, Accademia Carrara - Museo, Bergamo

SCHEDA TECNICA

ORARI
Dal Martedì al Sabato, ore 9-19 Domenica e festivi, ore 10-19 Chiusa il Lunedì, tranne il 9 aprile 2007 Apertura straordinaria martedì 1° maggio 2007

BIGLIETTI E AGEVOLAZIONI
Intero: Euro 9,00 Ridotto: Euro 7,00 (militari, ragazzi fino a 18 anni, studenti universitari, ultrasessantenni, comitive di almeno 15 persone con prenotazione obbligatoria, possessori di: biglietto ferroviario in arrivo a Cremona, tessere TCI e FAI, disabili, visitatori di mostre contemporanee collegate). Ridotto speciale: Euro 5,00 (scuole e possessori di Apic Card e Cremona City Card). Ingresso libero: bambini fino a 6 anni, accompagnatori di scolaresche o di comitive di almeno 15 persone.

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI:
APIC Cremona - Biglietteria tel. +39 0372 31222
(dal martedì alla domenica)

Comunicato segnalato da: APIC (d.p. 07/12/06)

Questa pagina è in linea grazie a: B&B Irene Marchese

Bed and Breakfast Irene Marchese
Via M. D'Azeglio, 14
73057 TAVIANO (LE)
Cell.:347/5201533 - Tel.: 0833/911477
Sito Internet: B&B Irene Marchese

Il bed and breakfast si trova a Taviano, a poca distanza da Gallipoli; a disposizione degli ospiti camere arredate con gusto, originalità e brio per rendere piacevoli le vostre giornate di relax nel Salento. Ogni camera dispone di bagno privato, aria condizionata set cortesia. La colazione ricca di prodotti e specialità tipiche salentine, proposte dal buon gusto di Irene, è possibile consumarla in un'ampia sala da pranzo o all'aperto, tra il verde degli alberi e il profumo dei fiori del giardino.

Ultimo aggiornamento: 09/07/2008 (15:07)

Letture collegate

Da leggere:
»
»
»
»


Versione StampabileVersione stampabile


Segnala la pagina

segnalaciSegnala questa pagina ad un tuo amico usando il nostro "Dillo alla Rete"!


Concorso Ultima cena

Su questo Portale
»
»


Cerca nel Sito


Japigia.com


Home Cerca nel sito Contatta lo Staff
Registrati GRATIS e fai crescere i tuoi Affari
ArteSalento.it è un'iniziativa Japigia.com!
Per informazioni e contatti: info@artesalento.it
Informazioni sulla Privacy e cookie
Vietata la riproduzione, anche parziale,
dei contenuti del sito Informazioni sul Copyright.
Copyright by Japigia.com 2003/2014.
Partita I.V.A 03471380752 - R.E.A. CCIAA Le/224124
*** Questo Sito Web NON utilizza Cookie ***