CopiaSalento: il FotoBook di Japigia
Home Page Cerca nel Sito Contatta lo Staff Gli Artisti Chi è Japigia.com Questo Portale
Home » D. Hirsch e C. Treppo  
Archivio 2007
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
·
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»


Conosci il Salento


SalentoAziende


Aspetti femminili della creazione

15 dicembre 2006 – 31 gennaio 2007

aspetti femminili della creazioneAspetti femminili della creazione: Debora Hirsch e Cristina Treppo a cura di Maria Luisa Trevisan, 15 dicembre 2006 – 31 gennaio 2007 Radar Arte Contemporanea, via Caneve 12 – 30173 Mestre Venezia, +39.041.5344427, +39.338.5293034, ma-sa 16-19.30 (verificare telefonicamente)

La mostra ideata e curata da Maria Luisa Trevisan prende spunto dall’esposizione Lilith. L’aspetto femminili della creazione, (ideazione, progetto e cura di Maria Luisa Trevisan, 2004 Scuderie Aldobrandini, Frascati) e ne rappresenta la continuazione, in quanto si sono volute accostare creatività e sensibilità femminili differenti, che comunque mostrano una loro forte identità rispetto a quella prodotta dall’altro genere, il maschile.

Due artiste molto diverse a confronto dunque, appartenenti alla stessa generazione, ma con culture differenti alle spalle: una di origine brasiliana e l’altra italiana e quindi rappresentanti due modi di esprimere una visione del mondo al femminile, in cui si evidenziano le dicotomie natura-cultura, naturale-artificiale, manuale-tecnologico, innovazione-tradizione, caldo-freddo, lineare-prospettico, superficiale-profondo, chiuso-aperto, chiaro-scuro, alto e basso, spazio-tempo, tattile-visivo, ecc.

Debora Hirsch (San Paulo del Brasile, 1967) usa la pittura, il video, la fotografia, ama il mito, la storia dell’arte  (ad esempio il Rinascimento ma anche la pittura europea dell’800, la Pop Art, correnti che riprende sia nei temi che nella tecnica), ma anche la letteratura, il cinema, la musica, il fumetto. Molti sono i riferimenti espliciti e dichiarati che effettua nell’accoppiare personaggi distanti nel tempo e nello spazio, come nella serie So What, dove effettua arditi abbinamenti ed un gioco tra cultura alta e bassa, immagini note della storia dell’arte e tecnica del fumetto: Federico da Montefeltro e Dick Tracy con l’impostazione del ritratto rigidamente di profilo utilizzato da Piero della Francesca ed il segno lineare di Osvaldo Cavandoli, oppure la Sibilla Delfica di Michelangelo presente nella Cappella Sistina e Wonder Woman con l’impianto compositivo del grande Buonarroti, o altri con riferimenti a Van Gogh e Corto Maltese con segno tipico di Ugo Pratt e l’immagine di tre quarti del ritratto di Van Gogh, Marilyn Monroe e Daisy Mae con riferimenti alla campitura piatta, alla solarizzazione di Andy Warhol, Papa Innocenzo X e Silver Surfer, ecc. Riflette sui meccanismi della comunicazione (il video Etix e la serie ITEM e FILE), affrontando tematiche attuali, in cui mostra un impegno sociale nel denunciare ingiustizie (The Last Supper, video sui condannati di piccoli reati ammazzati dalla polizia brasiliana), differenze di classe e diseguaglianze della società brasiliana, come nella serie Br 101 e Br 101 outdoor che prende il nome da una autostrada lunga 15.000 km che lega il Sud ricco con il Nord povero del paese. In queste fotografie mostra scene emblematiche in cui immagini comuni prese dalla strada si mescolano con l’arredo lussuoso di un salotto borghese (A view from inside the car), giocando sull’ambiguità delle immagini come in Showers in cui le docce nel giardino di uno dei più esclusivi resort brasiliani sembrano delle croci di un cimitero o memoriale ai caduti, o mettendo in risalto - come in Oasis - il rapporto subalterno tra due uomini neri dove uno è il capo l’altro un operaio su una spiaggia. In Building ha formato un condominio cadente mettendo insieme pezzi di immagini di palazzi diroccati di San Paulo. Tocca temi esistenziali personali come nel video - autoritratto Lachesis. Parla un linguaggio tecnologico, freddo, volutamente distaccato, anche quando usa un medium caldo – per dirla secondo le categorie di Herinch Wöllflin - come la pittura, e ha come riferimento l’orizzonte culturale occidentale.

Cristina Treppo (Udine, 1968) al contrario ha come riferimento la natura e il rapporto che con essa l’uomo contemporaneo attua. Utilizza un linguaggio caldo, esaltando l’aspetto tattile dei materiali e recuperando in chiave artistica una manualità che richiama un lavoro attribuito per tradizione alla donna, quello della lavorazione delle stoffe, dei filati, dei pizzi, ecc., un’attività che molte ragazze della nostra generazione  hanno rifiutato o non hanno imparato dalle mamme o dalle nonne per vari motivi, di cui Cristina Treppo come artista-donna si riappropria. Le sue opere sembrano parlare in modo sommesso, bisbigliato, con lunghe pause e silenzi più che un linguaggio apertamente dichiarato. Realizza installazioni che ambienta in luoghi chiusi o aperti (Muffa; Segreti e bugie), sfiorando con delicata leggerezza temi quali la difficoltà nei rapporti interpersonali e il fragile equilibrio che si evidenzia a volte anche nel rapporto di coppia (Talamo rosso). Dalle installazioni trae a volte intense immagini che fissa nelle raffinate stampe digitali su alluminio (Muffa, sviluppo verticale), ispirate alla natura, ai sentimenti, all’esistenza, al femminile (Perdita 1 - 2, To Night).

Altre volte le foto ritraggono composizioni floreali, nature morte, composte in maniera accurata con oggetti di vario tipo. Di particolare interesse per l’artista sono le piante e la tematica naturalistica in genere. La natura è riprodotta con materiali morbidi, caldi, carezzevoli (pizzi, peluche, filo, arazzi, stoffe di vario tipo) che sollecitano ricordi famigliari, creando ambiguità tra naturale e artificiale (Pink Garden; Paesaggio rosa; Naturale Artificiale – Giardino d’inverno; Naturale Artificiale – Erbario; Paesaggio Rosa; Paesaggio Verde; Paesaggio Oro).

La fotografia riveste un’importante funzione per entrambe le artiste, in quanto in Debora Hirsch è alla base delle sue elaborazioni video e si sa che ricopre un ruolo fondamentale anche nel fumetto, come substrato compositivo. In Cristina Treppo la fotografia diventa lo strumento per fissare e conservare nel tempo interventi ambientali, concepiti come fossero scene teatrali o set cinematografici accuratamente preparati da un sapiente scenografo. (Dal testo di Maria Luisa Trevisan)

Comunicato segnalato da: Cartec (d.p 20/11/06)

Sponsorizza questa pagina

Japigia da la possibilità di inserire, in coda a questa pagina la pubblicità della vostra attività.

Con questo nuovo servizio è possibile, infatti, associare la vostra Azienda o la vostra Struttura turistica alla pagina che ritenete più adatta a rappresentare la vostra attività.
Per maggiori informazioni contattateci allo 368/3413297 oppure  inviateci un messaggio e-mail tramite il modulo di contatto.

Un esempio? Questa pagina è in linea grazie a:

speciale vacanze nel salentoCasa Julia è sicuramente il posto ideale dove trascorrere le vostre prossime vacanze; dispone di due soluzioni confortevoli nel centro di Casarano completamente indipendenti, a poca distanza da Gallipoli; un monolocale composto da una camera matrimoniale con bagno e un bilocale composto da camera matrimoniale, cucina abitabile e bagno con doccia; gli ambienti sono curati nei minimi particolari,ampio spazio esterno e posto auto scoperto interno alla proprietà.
Maggiori informazioni sul sito Internet: www.casajulia.it

Ultimo aggiornamento: 31/01/2007 (13:57)

Letture collegate

Da leggere:
»
»
»
»


Versione StampabileVersione stampabile


Segnala la pagina

segnalaciSegnala questa pagina ad un tuo amico usando il nostro "Dillo alla Rete"!


Concorso Ultima cena

Su questo Portale
»
»


Cerca nel Sito


Japigia.com


Home Cerca nel sito Contatta lo Staff
Invia una cartolina virtuale da Japigia.com
ArteSalento.it è un'iniziativa Japigia.com!
Per informazioni e contatti: info@artesalento.it
Informazioni sulla Privacy e cookie
Vietata la riproduzione, anche parziale,
dei contenuti del sito Informazioni sul Copyright.
Copyright by Japigia.com 2003/2014.
Partita I.V.A 03471380752 - R.E.A. CCIAA Le/224124
*** Questo Sito Web NON utilizza Cookie ***